Il vero Memorandum è la storia dell’atroce sistema di catture in mare e deportazione nei lager libici organizzato dal Governo italiano.

La Memoria è una cosa importante. La VERA cosa da ricordare sono le vite di tutte quelle persone lasciate in balia del mare e delle politiche razziste di controllo delle frontiere. Ciò che dobbiamo ricordare è la Storia dell’atroce sistema di catture in mare e deportazione nei lager libici organizzato dal Governo italiano.

Così ho deciso di scriverla. Usando fonti dirette. Non solo, quindi, le solite fonti di cronaca ma anche e soprattutto le testimonianze e i documenti audiovisivi di chi c’era, dei veri protagonisti, che sono le persone migranti vittime di questo sistema. Il tutto integrato con documenti ufficiali, tracce degli aerei spia di Frontex e molto altro.

La Memoria serve. Serve ad aiutare le vittime ad avere giustizia. Con il JLProject abbiamo già portato i loro casi in tribunale ed alcune hanno già vinto. Penso che questa sia la strada giusta e credo che passeremo almeno il prossimo decennio a fare cause contro il governo italiano.

ATTENZIONE: Questa è solo una demo.

Ho inserito solo qualche evento random.

La storia verrà così ma… meglio. Ogni evento di questa assurda terribile storia verrà incasellato nel suo contesto. Il tutto in una pagina navigabile per data e per argomenti.

Alla fine ci troverete:

  • respingimenti
  • salvataggi
  • casi politici
  • leggi
  • notizie su ciò che avveniva in Libia e in Tunisia
  • storie di persone

Qui trovate maggiori informazioni sul mio progetto.

PS: Questa bozza qui sotto è dedicata a Duilio, Marc e Teresa che hanno donato i soldi necessari a comprare i plugin a pagamento che permetteranno a questa timeline di diventare navigabile. Li sto scegliendo e installando. Ci vorrà quache giorno.

2024
La motovedetta Fezzan, donata dall’Italia, spara sui soccorritori della Mare Jonio
La motovedetta Fezzan, donata dall’Italia, spara sui soccorritori della Mare Jonio

La motovedetta Fezzan 658, donata dall’Italia, spara sui soccorritori della Mare Jonio. Ricostruzione degli eventi.

Sospeso il fermo alla Sea Watch 5 dal tribunale di Ragusa
Sospeso il fermo alla Sea Watch 5 dal tribunale di Ragusa

Il tribunale di Ragusa sospende il fermo amministrativo (per violazione del decreto Piantedosi) della nave Sea-Watch 5 riconoscendo come non vi sia stato, da parte della nave ONG, alcun illecito. E’ il terzo fermo annullato dai tribunali.

La Geo Barents di MSF, ostacolata dalla motovedetta Nalut 302, viene sanzionata
La Geo Barents di MSF, ostacolata dalla motovedetta Nalut 302, viene sanzionata

Durante un soccorso, la nave Geo Barents di MSF viene ostacolata dalla motovedetta Nalut 302, che solitamente sperona barche per ucciderne i passeggeri. Incredibilmente viene poi sottoposta a fermo amministrativo per violazione del decreto legge Piantedosi. Motivazione: non aver obbedito ai miliziani libici. La motovedetta Nalut 203 è sopraggiunta a…
Per saperne di più

Sea Watch 5, ostacolata dalla motovedetta Fezzan, viene sanzionata
Sea Watch 5, ostacolata dalla motovedetta Fezzan, viene sanzionata

Durante un soccorso in acque internazionali, la Sea Watch 5 viene ostacolata dalla motovedetta Fezzan. Incredibilmente viene poi sottoposta a fermo amministrativo per violazione del decreto legge Piantedosi. Motivazione: non aver obbedito ai miliziani libici. Sea Watch fa ricorso. Lo vincerà.

A Bacoli arrivano pericolosi miliziani libici ospiti del Governo Meloni
A Bacoli arrivano pericolosi miliziani libici ospiti del Governo Meloni

Bacoli, Base navale di Capo Miseno (NA): il Governo italiano, praticamente in segreto, fa arrivare pericolosi miliziani libici. E’ una delegazione libica della Libyan Coast Guard and Port Security, gli stessi miliziani libici accusati di uccidere migranti in mare, sparare sulle navi delle ONG e sui pescherecci italiani, sequestrare pescatori…
Per saperne di più

2023
Naufragio con respingimento Vos Triton
JLP trova le famiglie delle vittime

L’Italia ha lasciato affogare 61 persone e ha fatte respingere in Libia i 25 sopravvissuti dalla nave cargo Vos Triton. La RICOSTRUZIONE DEL CASO  

Addestramento di miliziani libici a Capo Posillipo
Addestramento di miliziani libici a Capo Posillipo

Miliziani libici vengono addestrati a spese del governo italiano a Capo Posillipo (Napoli). Nello stesso periodo sono stati effettuati 2 addestramenti di miliziani libici in zona: - presso la Scuola Nautica di Gaeta (LT) dall’8 al 21 ottobre 2023 - presso la Base Navale di Bacoli (NA) dal 19 novembre…
Per saperne di più

La Cassazione: è reato sbarcare migranti in Libia
Asso Augusta Offshore

La Libia NON è un porto sicuro, sancisce la Cassazione, perché le persone possono subire lesioni e morte. Anche in Cassazione Giuseppe Sotgiu, il comandante della nave Asso Ventotto, viene condannato ad un anno di reclusione per aver illegalmente sbarcato persone in Libia. La sentenza Asso Ventotto: sbarcare persone in…
Per saperne di più

Il governo Meloni regala 3 motovedette alla Libia, tra cui la terribile Nalut 302
Il governo Meloni regala 3 motovedette alla Libia, tra cui la terribile Nalut 302

Arrivano alle milizie libiche 3 motovedette classe TS-LCG 300 regalate dal governo Meloni. Tra di esse c'è la Nalut 302, che diverrà poi famosa per speronare barche con lo scopo di uccidere i passeggeri ed attaccare le navi delle ONG. I libici ne danno il lieto annuncio su Twitter. E…
Per saperne di più

Il governo tunisino assassina nel deserto Matyla e la piccola Marie
Il governo tunisino assassina nel deserto Matyla e la piccola Marie

Domenica 16 luglio la polizia tunisina deportò nel deserto un gruppo di persone che aveva arrestato due giorni prima. La loro colpa? Unicamente di essere migranti irregolari. Tra loro c'erano Matyla (che usava il nome di Fati perché cristiana e spaventata dalle persecuzioni religiose) e la figlioletta Marie di 6…
Per saperne di più

La Tunisia inizia ad assassinare persone deportandole nel deserto
La Tunisia inizia ad assassinare persone deportandole nel deserto

Dal 28 giugno al 10 luglio 2023, per stessa ammissione del governo tunisino, a Sfax vengono arrestati almeno 1200 tra rifugiati e migranti africani (inclusi donne e bambini) ed espulsi verso la frontiera con la Libia. I malcapitati non possono dirigersi verso le città libiche perché in Libia è in…
Per saperne di più

Il governo Meloni regala alle milizie libiche le motovedette Murzuq 662 e Houn 664. Bija ringrazia.
Il governo Meloni regala alle milizie libiche le motovedette Murzuq 662 e Houn 664. Bija ringrazia.

Arrivano alle milizie libiche 2 nuove motovedette classe Corrubia: la Murzuq 662 e Houn 664. Il criminale internazionale Bija è al porto di Tripoli durante la consegna delle due costosissime classe Bigliani e ne dà il lieto annuncio su Facebook.

Il JLP scopre la vera identità di Rgowans
Il JLP scopre la vera identità di Rgowans

Grazie ad un suo errore, JLProject identifica Rgowans - detto "portavoce della mafia libica". Si chiama Robert Brytan ed il suo nome è identico a quello del direttore del data center di Asseco, che ha appalti da Frontex per gestire dati personali di milioni di persone.

Il respingimento Grimstad
Il respingimento Grimstad

La nave mercantile Grimstad ha illegalmente deportato 36 persone nei lager libici. Il comandante della Grimstad sostiene che l’ordine per la deportazione illegale sia stato dato dal MRCC di Roma, cioè dalla centrale operativa della Guardia Costiera Italiana. Cerchiamo di capire se è vero ricostruendo il caso.

Strage di Cutro
Strage di Cutro

La strage di Cutro è avvenuta il 25 febbraio 2023. Abbiamo visionato il testo originale delle testimonianze dei sopravvissuti. Le abbiamo dovute leggere più volte per estrapolare i particolari utili all’indagine. Non perché fossero imprecise, tutt’altro, ma perché le persone raccontavano anche la morte dei loro bambini. Quella che segue…
Per saperne di più

Il presidente Saied istiga la Tunisia al razzismo
Il presidente Saied istiga la Tunisia al razzismo

Il 21 febbraio 2023, durante una riunione del Consiglio per la sicurezza nazionale, il presidente tunisino Kais Saied pronunciò parole razziste e xenofobe. Parlò di “orde di migranti irregolari provenienti dall’Africa subsahariana” che sarebbero arrivati in Tunisia “con la violenza, i crimini e i comportamenti inaccettabili che ne sono derivati”.…
Per saperne di più

Decreto Piantedosi 1/2023
Decreto Piantedosi 1/2023

Il decreto legge 1/2023 (poi convertito in LEGGE 24 febbraio 2023, n. 15 ) recante “disposizioni urgenti in materia di transito e sosta nelle acque territoriali delle navi non governative impegnate nelle operazioni di soccorso in mare” fu emanato dal Ministero dell’Interno retto da Matteo Piantedosi il 2 gennaio 2023.…
Per saperne di più

2022
Violento sgombero del Presidio dei 100 giorni a Tripoli
Violento sgombero del Presidio dei 100 giorni a Tripoli

La notte tra il 9 e il 10 gennaio 2022 al presidio arrivarono circa trecento poliziotti libici. Uno dei leader della protesta, il 25 enne sudanese Majib Terab, andò  a parlare con la polizia. I libici intimarono di sgombrare l’area in dieci minuti e chiesero a Majib di andare a…
Per saperne di più

2021
La Cassazione assolve i naufraghi della Vos Thalassa
La Cassazione assolve i naufraghi della Vos Thalassa

Storica sentenza per il caso Vos Thalassa: ribellarsi ai respingimenti in Libia non è reato. Assolti definitivamente i due ragazzi che si erano ribellati per evitare il respingimento in Libia.

UNHCR Tripoli chiama i libici per manganellare i manifestanti
UNHCR Tripoli chiama i libici per manganellare i manifestanti

I miliziani libici arrivano al presidio e manganellano i rifugiati accampati fuori dall’ufficio di UNHCR a Tripoli. Funzionari di UNHCR assistono impassibili alla scena rimanendo sulla porta. Ma l’attacco viene ripreso da decine di smartphone, finisce in rete e i libici si ritirano.

Nasce il Presidio dei rifugiati a Tripoli
Nasce il Presidio dei rifugiati a Tripoli

Nasce il Presidio dei 100 giorni. I rifugiati sfuggiti ad raid di arresti del giorno prima, si recano all’ufficio dell’UNHCR a Tripoli e ci restano. Si accampano, letteralmente, sul marciapiede antistante l’ufficio. All’inizio sono pochi, poi sempre di più, ogni giorno di più.

Arresti di massa, casa per casa, a Tripoli
Arresti di massa, casa per casa, a Tripoli

1 ottobre 2021. Quartiere di Gargaresh, Tripoli. Qui vive la maggior parte dei rifugiati della città, in edifici spesso fatiscenti, privi di corrente elettrica e acqua. Il governo libico organizza un raid, la mattina agenti in divisa militare entrano nelle case e puntano i loro fucili sulle famiglie inermi. Arrestano…
Per saperne di più

I libici della Ubari tentano di uccidere i pescatori italiani
motovedetta affonda gommoni

La motovedetta criminale Ubari 660 attacca a colpi di mitra il peschereccio Aliseo, con sette uomini d'equipaggio. Il comandante Giuseppe Giacalone viene ferito dai colpi di arma da fuoco.

2020
La Mare Jonio preleva le 27 persone abbandonate sulla Maersk Etienne
La Mare Jonio preleva le 27 persone abbandonate sulla Maersk Etienne

La Mare Jonio, con a bordo Luca Casarini, Beppe Caccia, Alessandro Metz e Pietro Marrone, prende a bordo i 27 naufraghi che erano da 38 giorni abbandonati sulla petroliera Maersk Etienne.

La petroliera Maersk Etienne soccorre 27 persone migranti
La petroliera Maersk Etienne soccorre 27 persone migranti

Il soccorso è stato seguito fin dall’inizio (3 agosto) dall’operazione Themis (Italia + Frontex). Il 4 agosto la petroliera Maerk Etienne prese a bordo 27 persone migranti e rifiutò di deportarle in Libia. L'Europa abbandonò la nave in mare per 38 giorni.

Strage (e respingimento) di Pasquetta
Strage (e respingimento) di Pasquetta

Il 13 aprile 2020, il giorno di Pasquetta, 12 migranti muoiono in mare e i 51 sopravvissuti vengono respinti in Libia da un peschereccio segretamente affittato dal governo di Malta. Si scopre che il governo maltese, oltre ad essere responsabile di una lunga serie di omissioni di soccorso nella gigantesca…
Per saperne di più

2019
L’Italia condannata per il respingimento illegale Orione
nave Orione

Il Governo italiano viene condannato a risarcire e riammettere in Italia i rifugiati deportati in Libia dalla nave Orione, della Marina italiana. I respinti vincono la causa, tornano in Italia e vengono risarciti.

Mentre Salvini sequestrava la Open Arms, l’Italia deportava 735 migranti in Libia
Mentre Salvini sequestrava la Open Arms, l’Italia deportava 735 migranti in Libia

Nei soli giorni in cui Salvini sequestrava la Open Arms - dal 3 al 20 agosto 2019 -  l’operazione Themis del governo italiano catturava in mare e deportava 735 persone nei lager libici.

Salvini sequestra le persone sulla Open Arms
Salvini sequestra le persone sulla Open Arms

Ricostruzione del caso Open Arms, per cui è a processo Salvini. Era l’agosto 2019: 163 persone, tra cui tantissime donne e neonati, lasciate in mare per 19 giorni. L’estate del 2019 fu un periodo di continuo scontro politico sul tema delle migrazioni. C’era il governo Conte I. Ministro dell’interno era…
Per saperne di più

Bombardamento del lager di Tajoura
Bombardamento del lager di Tajoura

Un terribile bombardamento aereo nella notte distrusse il lager di Tajoura, dove il Governo di Accordo Nazionale libico teneva un deposito di armi da guerra e usava i migranti come scudi umani. Un missile colpì in pieno l’hangar numero 2, una delle 5 hangar dove venivano rinchiusi i rifugiati di…
Per saperne di più

La direttiva “ad navem” di Matteo Salvini contro la Mare Jonio
La direttiva “ad navem” di Matteo Salvini contro la Mare Jonio

Il 16 aprile 2019,  il Viminale – ministro Matteo Salvini, capo gabinetto Matteo Piantedosi – emanò una nuova direttiva interamente dedicata alla nave Mare Jonio, salpata due giorni prima. Una “direttiva ad navem”. Era l’ordine esplicito a comandanti delle forze di polizia, della Guardia costiera e della Marina «di vigilare…
Per saperne di più

Il primo soccorso della Mare Jonio
Il primo soccorso della Mare Jonio

Lo storico primo soccorso effettuato dalla Mare Jonio  - unica nave delle ONG che allora batteva bandiera italiana - scatenò un intricato caso politico. L’allora ministro dell’interno Matteo Salvini dichiarò (informalmente) la chiusura delle acque territoriali per non far sbarcare la Mare Jonio. La nave sbarcò lo stesso, lo staff…
Per saperne di più

2018
L’Italia regala alla Libia la motovedetta criminale Ubari 660
motovedetta affonda gommoni

La Libia riceve in regalo dal governo italiano la motovedetta criminale Ubari 660. L'equipaggio della motovedetta Ubari compirà diversi crimini, compreso il tentato omicidio di pescatori italiani. E' il 24 novembre 2018 e i miliziani libici accolgono la motovedetta Ubari arrivata nuova nuova dal porto di Messina. Gli stessi miliziani…
Per saperne di più

Respingimento Nivin
caso Nivin

Il caso Nivin è un respingimento collettivo illegale dal mare (acque internazionali, coordinate 33°58’N 014°40’E) alla Libia operato dalla nave cargo Nivin (paese di bandiera Panama) il 7 novembre 2018 con la direzione della Guardia Costiera italiana (MRCC di Roma) e la collaborazione di assetti aerei EUNAVFORMED (missione Sophia). Gli…
Per saperne di più

Respingimento Asso Ventotto
Asso Augusta Offshore

Respingimento illegale dalle acque internazionali alla Libia di 108 persone compiuto dalla nave mercantile Asso Ventotto il 30 luglio 2018. C'è stato un processo penale, 3 gradi di giudizio. Il comandante Giuseppe Sotgiu è stato condannato in tutti i gradi di giudizio a 1 anno di reclusione. La sentenza è…
Per saperne di più

Respingimento Asso Ventinove
Respingimento Asso Ventinove

Respingimento illegale ordinato in segreto dalla Marina italiana. Ci sono state già due sentenze di primo grado. 276 bambini, donne e uomini (con Loni, che era ancora nella pancia della sua mamma, fanno 277) in acque internazionali salirono a bordo della nave italiana Asso Ventinove, chiesero asilo politico in Italia…
Per saperne di più

Visita ufficiale di Salvini sulla Caprera ancorata a Tripoli
Visita ufficiale di Salvini sulla Caprera ancorata a Tripoli

Abu Sittah Naval Base, la banchina di Abu Sitta, nel porto di Tripoli, C'è ancorata la nave militare italiana Caprera (che il 2 luglio 2018 ordinò il respingimento segreto illegale Asso Ventinove). Visita ufficiale di una personalità importante alla banchina di Abu Sitta il 25 giugno 2018, ovvero 6 giorni…
Per saperne di più

La nave Caprera pratica il contrabbando
nave orione respingimento

A detta della Procura di Brindisi, i militari della Caprera nei giorni di fine giugno sono impegnati in un giro di contrabbando tra la Libia e l'Italia. Le accuse, per cui vennero poi arrestati 4 militari della Caprera e un ufficiale libico, comprendono contrabbando di sigarette, fatture gonfiate per i…
Per saperne di più

Matteo Salvini diventa Ministro dell’interno
Salvini

Matteo Salvini diventa Ministro dell’Interno. Rimarrà fino al 5 settembre 2019.

2017
La Marina italiana ammette la correità nei respingimenti illegali
La Marina italiana ammette la correità nei respingimenti illegali

Con un comunicato stampa - che successivamente ha ELIMINATO dal suo sito - la Marina Militare italiana ammette la correità in respingimenti collettivi illegali di stranieri dalle acque internazionali alla Libia. ABBIAMO SALVATO IL COMUNICATO. Potete leggerlo qui.  

I libici attaccano la nave dell’ONG Lifeline
I libici attaccano la nave dell’ONG Lifeline

Una motovedetta della cosiddetta Guardia Costiera libica attacca la nave della ONG Mission Lifeline. I libici sparano alcuni colpi di arma da fuoco e salgono a bordo della Lifeline chiedendo la consegna dei 70 migranti che ha appena salvato. I coraggiosi soccorritori della Lifeline rifiutano di consegnare i naufraghi.

Memorandum Italia-Libia
Memorandum Italia-Libia

Firmato dal presidente del Consiglio dei ministri italiano Paolo Gentiloni e dal primo ministro del Governo di Riconciliazione Nazionale libico Fayez al-Sarraj. Le trattative furono promosse dall'allora ministro dell'Interno, Marco Minniti.

2012
L’inizio della Storia: la sentenza HIRSI
L’inizio della Storia: la sentenza HIRSI

Dopo la sentenza definitiva, il Governo italiano non può più deportare nei lager libici con le sue navi militari. Così cerca altri sistemi (illegali): usa in segreto navi cargo, finanzia e addestra i criminali delle milizie libiche. E' l'inizio di una triste storia...