In questo periodo sto girando l'Italia con il "Cacate Rivolta Tour" 2020 di Solidarancia. Tutte le tappe.

Gen 282020
 

jlproject campi di concentramento Libia

Il JLProject, meno di un anno fa, ha iniziato una battaglia precisa: fermare le deportazioni in Libia effettuate da navi battenti bandiera europea.

Avevamo scoperto che navi cargo battenti bandiera italiana avevano effettuato almeno 2 deportazioni nell’estate 2018 (di cui una segreta). Per tutto il 2019 ci siamo dati molto da fare per raccontare l’accaduto, rintracciare le vittime, portare la questione in Parlamento e in Tribunale.

E’ stato molto faticoso. Pochi ci hanno dato retta. I grandi media non hanno voluto aiutarci.

Ma, alla fine, il JLProject e tutti gli attivisti hanno vinto e le deportazioni effettuate con navi europee si sono fermate.

Nell’estate 2019 la compagnia di navigazione Augusta Offshore, che aveva deportato in Libia centinaia di persone solo l’anno prima, ha smesso!

Sapete perché la Augusta Offshore non deporta più persone in Libia?
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Poi c’è stata la grandissima vittoria ottenuta al Tribunale di Roma dagli avvocati ASGI Salvatore Fachile e Cristina Laura Cecchini per il caso della nave Orione, battente bandiera italiana, che respinse illegittimamente e deportò in Libia moltissime persone.

“Chi è stato respinto illegittimamente dall’Italia in Libia ha diritto a tornare in Italia” ha detto il Tribunale.

Ha diritto a tornare in Italia chi è stato respinto illegittimamente in Libia.
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Battaglia vinta: nessuno verrà più deportato in Libia da una nave europea.

Solo 6 mesi fa, questo ci sembrava impossibile.

Ma certe volte si vince. Anche se si lotta contro forze gigantesche. Di sicuro, vale la pena lottare.

Il JLProject festeggia e va avanti

Il collettivo adesso mira ancora più in alto: fermare TUTTE le deportazioni in Libia, anche quelle compiute dalle motovedette della cosiddetta guardia costiera libica. Motovedette regalate dall’Italia alla Libia proprio per aggirare la legge.

Vi sembra una battaglia impossibile?

Anche a me lo sembra. Ed è proprio per questo che mi impegnerò ancora di più.

Unirsi al JLProject

Volete unirvi ad una banda scalcinata di persone che lottano per rendere possibile l’impossibile e qualche volta ci riescono?

Bene. Andate sul sito del collettivo e scriveteci.

Questo blog ha bisogno di aiuto, scopri perchè. Qui sotto trovi il link alla donazione con PayPal o carta. Sappi che il blog farà fruttare parecchio ogni euro che arriverà e ti renderà fiero di averlo donato.



Iscriviti alla newsletter

 Lascia una Risposta:

obbligatorio

obbligatorio

Ciao, questo sito utilizza utilizza cookies, anche di terze parti, per migliorare la navigazione. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi