In questo periodo sto girando l'Italia con il "Cacate Rivolta Tour" 2020 di Solidarancia. Tutte le tappe.

Set 162019
 

zawiya triq al sikka

Per reati compiuti nel lager libico di Zawiya, a Messina ci sono stati 3 arresti. Per la prima volta, in Italia viene contestato il reato di tortura.

(Forse) il muro di omertà sta cedendo.

(Forse) gli italiani stanno smettendo di arrestare chi salva le persone e iniziando ad arrestare chi le persone le uccide, le tortura e le stupra.

E’ un buon segnale.

La notizia è stata letta (addirittura) nei telegionali delle sera ed è stato fatto un elenco dei reati contro l’umanità compiuti dalle guardie di Zawiya:

  • omicidio di rifugiati (uccisi a colpi di pistola)
  • stupri nei confronti di tutte le donne del lager
  • sequestro di persona
  • ricatto ed estorsione ai parenti delle vittime
  • tortura

“Le stesse identiche cose che avvengono nel lager libico di Tajoura!” (si dirà chi legge questo blog)-

Sì.

Il reato di tortura

Nel nostro paese esiste il reato di tortura e questa è la prima volta che lo si contesta a un arrestato.

Le torture praticate a Zawiya sono:

  • frustate
  • scariche elettriche
  • bastonate
  • privazione di acqua e di cibo

e tutta una serie di pratiche dell’orrore.

Tutto vero.

Come abbiamo saputo cosa accadeva a Zawiya?

Si sapeva già, ma le vittime erano in Libia e non potevano denunciarlo prima. E’ stato possibile ricostruire il tutto grazie ad alcuni rifugiati coraggiosi salvati dal veliero Alex di Mediterranea lo scorso 7 luglio. Sopravvissuti all’inferno di Zawiya, hanno raccontato, mostrato prove e, soprattutto, riconosciuto tre dei loro carcerieri, che erano arrivati mesi prima in Italia.

Come scrive La Repubblica, i 3 torturatori sarebbero Mohamed Condè, detto Suarez, 27 anni della Guinea, Hameda Ahmed, 26 anni, egiziano e Ashuia Mahmoud, 24 anni, egiziano.

Cosa ancora non si racconta?

Quello che ancora non racconta nessuno è quante persone l’Italia, per mezzo dell’ “azienda” sua sottoposta, la cosiddetta Guardia Costiera libica, ha catturato in mare e deportato nel lager libico di Zawiya.

Quante persone l’Italia ha deportato a Zawiya?

Ecco una bella domanda.

Questo blog ha bisogno di aiuto, scopri perchè. Qui sotto trovi il link alla donazione con PayPal o carta. Sappi che il blog farà fruttare parecchio ogni euro che arriverà e ti renderà fiero di averlo donato.



Iscriviti alla newsletter

 Lascia una Risposta:

obbligatorio

obbligatorio

Ciao, questo sito utilizza utilizza cookies, anche di terze parti, per migliorare la navigazione. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi