E’ stato un regalo di compleanno e uno strumento fondamentale per rendere la mia vita più libera e felice.

Un mezzo può essere usato in vari modi. I primi anni ero confusa, forse non ne intuivo in pieno le potenzialità. Ma poi, via via, la nebbia si è diradata, la materia si è addensata. Il sito (e di conseguenza io) ha capito da solo dove voleva andare.

Oggi SaritaLibre.it viene letto da un sacco di persone che stimo. E, soprattutto, è un sito che PRODUCE COSE IMPORTANTI.

Inchieste, articoli, campagne, petizioni, cause per i diritti umani, denunce, 4 interrogazioni parlamentari e tutta una serie di battaglie combattute fino allo stremo. Qualcuna anche vinta.

Gli ultimi 365 giorni – uno strano diario

Esattamente un anno fa proclamavo una importante vittoria del Josi & Loni Project, (collettivo nato grazie a questo sito).

Eravamo riusciti ad ostacolare mostri marini giganteschi e potenti (leggi “le navi dell’ENI che deportano persone in Libia”).

La mia prima reazione fu esattamente quella nel video qui sotto

Perché io, pur essendo immersa quotidianamente in storie orribili, rimango una scrittrice comica e vitale che non ha perso, e mai perderà, la speranza in un mondo migliore e l’energia per contribuire a costruirlo.

UTOPIA è un luogo che non esiste ADESSO, ma che può essere costruito, sostengono i miei personaggi di Solidarancia. Personaggi inventati: un’armata Brancaleone di anarcoinsurrezionalisti ottantenni.

Eppure a volte l’immaginazione precede soltanto la realtà. Le persone reali che oggi compongono il JLProject non sono molto diverse, sono solo più giovani.

Dato che immaginazione e realtà iniziavano a compenetrarsi e l’utopia a sembrare un luogo un po’ più vicino, ho iniziato a girare l’Italia con il Cacate Rivolta tour.

Poi, però, è arrivato il Covid e il tour si è interrotto. Io no. Ho continuato a scrivere per tutto il lockdown. Qui è su… Il Manifesto.

Finalmente avevo trovato un giornale interessato a ciò che avevo da raccontare, senza censure.

Il mio primo articolo su Il Manifesto proveniva da una inchiesta fatta su questo sito, che aveva anche dato origine ad una interrogazione in Parlamento.

Per il secondo anniversario della deportazione segreta del 2 luglio decisi di scrivere un libricino da diffondere gratuitamente su questo sito. E’ la prima parte di un’indagine che ha occupato i miei ultimi 2 anni e che… è andata avanti (Presto avrete nuove buone strabilianti allucinanti notizie). Se non lo avete ancora letto, recuperatelo:

E poi c’è la storia più bella di tutte: 3 giorni e 3 notti sconvolgenti per salvare assieme a centinaia di altri attivisti il mio fratellino Cris:

Se credo agli spettri di luce che guidano gli attivisti per i diritti umani? Certo che sì!!! Firefly è uno di loro, è reale come è reale la passione che ci sostiene per andare avanti. Tutti assieme.

Un mese fa, tutti assieme, abbiamo scritto e firmato questa lettera che è finita su tutti i giornali e sul tavolo del Ministro dell’Interno.

Tra minacce ricevute da anonimi e attacchi al mio romanzo da parte di sovranisti distratti, il gioco si fa duro…

(NB Da voci che mi sono giunte, pare che Firefly porti anche molta sfiga a chi deporta le persone in Libia e alla compagine sovranista)

Grazie per…

Grazie a voi che avete letto e ripercorso l’ultimo anno di questo blog.
Grazie ai tantissimi che mi stanno mandando auguri di compleanno da tutto il mondo.
Grazie ai sostenitori del blog che mi consentono di pagare le spese per il sito e per le mie continua indagini.
Grazie a tutti quelli che condividono e commentano sui social i miei articoli.

Tra un paio di settimane sentirete parlare ancora un po’ di questo sito e delle verità che ha rivelato.

Rimanete attivi.

Sarita

Questo blog ha bisogno di aiuto, scopri perchè. Qui sotto trovi il link alla donazione con PayPal o carta. Sappi che il blog farà fruttare parecchio ogni euro che arriverà e ti renderà fiero di averlo donato.

Iscriviti alla newsletter

Questo articolo ha un commento

  1. Gemma Jeva

    Meraviglioso compleanno, splendida Sarita, che fai fiorire le rose nel deserto !

Lascia un commento