In questo periodo il mio blog dà voce alle persone rinchiuse nei lager della Libia. Leggi gli aggiornamenti!

Set 272019
 

Matteo Salvini ha accusato Carola Rackete di aver portato in Italia i 3 torturatori di Zawiya, che sarebbero stati salvati dalla Sea Watch.

Ovviamente Carola Rackete non aveva idea di chi fossero. Il suo dovere è salvare persone, non arrestarle. In ogni caso, se i 3 torturatori fossero tornati in Libia, avrebbero probabilmente continuato a lavorare nel sistema dei lager libici (finanziato dall’Italia), avrebbero ripreso a torturare, stuprare, uccidere, avrebbero goduto dell’assoluta impunità. Invece in Europa sono stati arrestati.

Ma non è questo l’argomento di questo tutorial per zucche vuote.

L’intento di questo mio nuovo tutorial è:

Spiegare alle zucche vuote che centinaia di torturatori e assassini libici sono stati portati in Italia dal Governo italiano. Non da Carola Rackete.

Dove?

A La Spezia e a Gaeta.

E a spese nostre.

Chi erano?

I militari della cosiddetta guardia costiera libica, quelli che:

Non tutti lo sanno, ma questi torturatori e assassini sono stati ospitati in Italia per dei “corsi di formazione”. A Gaeta e a La Spezia.

Ad agosto 2018 il ministero guidato da Matteo Salvini ha indetto una gara da quasi 1 milione di euro per formare in Italia equipaggi della polizia libica.

Quattro training di quattro settimane ognuno destinati a cinque equipaggi della cosiddetta guardia costiera libica.

Importo stimato: 993.176,54 euro delle nostre tasse.

Davvero ci siamo ritrovati i torturatori e gli assassini della cosiddetta guardia costiera libica a spasso per le strade delle città italiane?

Sì. A La Spezia per esempio. Lo ha raccontato Nello Trocchia in una puntata di Piazza Pulita dell’11 aprile 2019.

C’è una GRANDE differenza tra ciò che ha fatto Carola Rackete e ciò che ha fatto Matteo Salvini.

E’ questa:

  • Carola Rackete non sapeva chi fossero i 3 torturatori di Zawiya
  • Matteo Salvini SAPEVA PERFETTAMENTE chi fossero i componenti dei 5 equipaggi libici che ha fatto soggiornare a La Spezia a spese nostre.

Anche il governo Gentiloni ha portato in Italia i torturatori e gli assassini della Guardia Costiera Libica.

Anche il ministro Minniti sapeva chi fossero i militari della cosiddetta guardia costiera libica che sono stati formati e alloggiati nel 2018 a Gaeta, con servizio di “pensione completa“.

Il 21 aprile 2017 il ministro Minniti ha addirittura festeggiato con una cerimonia pubblica la fine del corso di formazione.

Anche questa formazione è stata pagata con i nostri soldi e ci è costata tantissimo.

E l’attuale Governo? Porterà ancora assassini e torturatori libici in Italia?

Finchè gli accordi Italia-Libia rimarranno in piedi, ho paura di sì.

Non so quale città verrà scelta stavolta. Non so quanto soldi costerà agli italiani. Ma stiamo attenti.


Questo tutorial è stato scritto anche grazie a chi, ieri, ha fatto donazioni al blog: Roberto, Leopoldo, Alessandra, Cristina, Valerio, Federica, Simona, Maurizio, Mattia.
Con il loro sostegno, oltre al contrasto alle zucche vuote, questo blog realizzerà prestissimo un altro bel progetto. Quindi questo è solo il primo dei ringraziamenti a Roberto, Leopoldo, Alessandra, Cristina, Valerio, Federica, Simona, Maurizio e Mattia.

Questo blog ha bisogno di aiuto, scopri perchè. Qui sotto trovi il link alla donazione con PayPal o carta. Sappi che il blog farà fruttare parecchio ogni euro che arriverà e ti renderà fiero di averlo donato.



Iscriviti alla newsletter

 Lascia una Risposta:

obbligatorio

obbligatorio

Ciao, questo sito utilizza utilizza cookies, anche di terze parti, per migliorare la navigazione. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi