Mag 112016
 

Aggiornamento 20/06/2016:
Questo articolo è stato liberato grazie a #NonLoLeggereSuVagabondo,

Leggilo qui, dove è LEGALE, dove è VERO.
Leggilo qui su SaritaLibre.

Sedersi su una panchina di Singapore per dieci minuti riportava all’ottimismo anche i più scettici riguardo alla possibilità di una società pacifica e multiculturale.

Io l’ho fatto e ve lo racconto.

Singapore SaritaLibre.it_02A prima vista una panchina di Singapore sembra uguale a tutte le altre panchine del mondo. Più pulita magari, dato che in questa piccolissima repubblica vigono severe leggi sul decoro urbano. Ma aspettate fiduciosi, ed aprite bene gli occhi: nel giro di dieci minuti sfilerà davanti a voi qualcosa che avete sempre etichettato come utopistico.

Inizia la parata.

Ecco che arriva un gruppetto di adolescenti cinesi con in grembo un corposo fascio di bastoncini d’incenso. Sono diretti al tempio.
Dietro di loro appare una mamma nerovestita dalla testa ai piedi. Ma i suoi occhi, vigili, brillano attraverso il burqa e controllano che le sue bambine  non sciupino correndo i loro abitini rosa confetto.
Chiude la parata un’anziana donna che torna a casa con la spesa, il suo sari ha tutti i colori dell’arcobaleno.

Singapore SaritaLibre.itAlzatevi. Seguitela. Vi porterà a Little India. Lungo Serangooon road verrete raggiunti da una folata di stimoli visivi, sonori e olfattivi provenienti dai negozi di incenso, dalle botteghe degli indovini, dalle sete colorate esposte, dalla musica dei film di Bollywood. Arrivate fino al Veeramakaliamman temple, dedicato alla dea Kali, toglietevi le scarpe ed entrate nel cortile passando sotto l’alto gopura ricoperto di sculture. Quasi ogni giorno c’è una ricorrenza induista e sarete testimoni di una ritualità vitale, accesa, dalle musiche quasi assordanti e dai colori esplosivi.

Adesso tornate indietro, verso il mare, i grattacieli vi ripareranno dal sole. Raggiungete il quartiere islamico, fondato da una comunità di zingari del mare malesi. In cielo svettano le cupole d’oro della Masjid Sultan. Anche se non siete musulmani vi sarà possibile entrare nella moschea coprendovi spalle e gambe e togliendovi le scarpe. La pace e il silenzio qui fanno da padroni. Il rumore del traffico di fuori sfuma pian piano, fino ad annullarsi. Gli ampi spazi dalle linee nette aumentano la vostra percezione del luogo, fino a farvi avvertire i minimi dettagli: il frusciare della veste di un fedele inginocchiato su un tappeto, i vostri stessi passi sul marmo.

Singapore SaritaLibre.it_04Ora camminate verso sud, poche centinaia di metri e sarete nel quartiere coloniale. Larghi viali alberati sono contornati da edifici che testimoniano il passaggio di portoghesi, olandesi ed inglesi. Non è raro sentire il canto di qualche uccello tropicale. Fedeli di tutte le etnie, serissimi nei modi e nell’abbigliamento, entrano nella cattedrale cattolica del Buon Pastore o nella neogotica cattedrale anglicana di Sant’Andrew, poco più avanti.

Attraversando il fiume Singapore sul Cavenagh Bridge vi ritroverete nel cuore della vita economica della città. Orde di uomini d’affari in nero sciamano dentro e fuori da immensi grattacieli di vetro ed acciaio. Seguitene qualcuno che va verso sud, il suo passo spedito vi condurrà nella animatissima Chinatown, tra antiche abitazioni lignee perfettamente restaurate e confuse bancarelle variopinte. Se siete fortunati lo vedrete metter da parte la ventiquattrore ed unirsi alla folla che rumorosamente brucia offerte votive nel tempio taoista di Thian Hock Keng, dove i leoni di pietra, i lunghi draghi scolpiti sul tetto di legno e gli dei dipinti sul portone tengono lontano ogni tipo di spirito maligno. Ma potreste anche vederlo entrare nel Buddha Tooth Relic Temple o nel tempio di Sri Mariamman, induista, nella moschea Jamae pochi metri più avanti o nella chiesa metodista. Perché a Chinatown, come in tutta Singapore, i luoghi di culto e i culti stessi convivono uno accanto all’altro, ognuno con le sue regole ma tutti con lo stesso fine: semplicemente portare pace e armonia nel mondo.

Singapore SaritaLibre.it_03Al censimento del 2010 risultava la seguente distribuzione delle confessioni tra i residenti di Singapore:
Buddhisti    33%
Cristiani  18%
Atei 17%
Musulmani    15%
Taoisti    11%
Hindu    5,1%
altro    0.9%

Questo è un racconto sfortunato, per 3 motivi:

  • Lo scrissi nel 2008 per una rivista che fallì, lo pubblicò ma non me lo pagò mai.
  • Il racconto è attualmente… stato rapito. Lo pubblicai sul mio profilo in un sito internet (vagabondo. net) a cui poi ho revocato i diritti di utilizzo di quest’opera, secondo la normativa sul diritto d’autore. Oggi è ancora pubblicata lì, abusivamente. more info.
  • Nel 2013 a Singapore scoppiarono forti conflitti razziali, presenti tuttora. L’immigrazione anche lì ora crea conflitti. Un peccato per un paese nato proprio dall’unione di culture diverse. Se gli abitanti di Singapore, so che lo sanno fare, si sedessero per dieci minuti su una loro panchina sono certa che capirebbero che il patrimonio culturale che hanno è una ricchezza rara proprio perché è variopinto come i colori di un arcobaleno.

Nell’attesa che lo facciano vi saluto e vi propongo di sedervi su una panchina anche da noi, a piazza Vittorio a Roma o in una stazione ferroviaria, e ammirare la diversità religiosa e culturale invece di temerla.

Sarita

 Lascia una Risposta:

obbligatorio

obbligatorio

Ciao, questo sito utilizza utilizza cookies, anche di terze parti, per migliorare la navigazione. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi