Feb 152016
 

ANNUNCIO DI RICERCA PUBBLICA ‪#‎TESTIMONI‬ COINVOLTI NEI FATTI DELLA ‪#‎VAGABONDO‬ VIAGGI SRL

Buongiorno a tutti
in molti mi avete espresso grande solidarietà per quello che mi è successo, ma adesso ho bisogno del vostro aiuto concreto.

Come molti di voi già sanno, pur io avendo un contratto a tempo indeterminato con l’INPS che pagava per la mia maternità, LA VAGABONDO VIAGGI MI FECE LAVORARE TUTTI I GIORNI DEI 5 MESI DELLA MIA MATERNITÀ OBBLIGATORIA ECCETTO 8 GIORNI. Ho moltissime prove che lo dimostrano. Questo è un ILLECITO DI PARTICOLARE GRAVITA’, PUNITO CON SANZIONI DI NATURA PENALE, quindi vi mostro già da ora le prove della veridicità delle mie parole (vedi gallery che segue). Ma quello che manca è la grandissima mole di e-mail da me spedite in quel periodo. Qualche giorno prima di essere licenziata in tronco avevo iniziato a ritrovarle nell’account aziendale, ma la Vagabondo Viaggi mi bloccò subito l’accesso all’account. Quelle email di lavoro però le ho spedite a qualcuno, e quindi MI APPELLO A CHI LE HA RICEVUTE, a tutte le persone a cui ho dato informazioni, fatto biglietti aerei ecc.

Il periodo della maternità obbligatoria che non ho fatto era dal 9 febbraio al 6 luglio 2013. SE VI RITROVATE ANCORA NELLA POSTA QUESTE E-MAIL , MANDATEMELE all’indirizzo saritaemao@gmail.com.
Ricordo a tutti che all’epoca scrivevo dall’indirizzo sarita@vagabondo.net o da staff@vagabondo.net

Mi appello anche a chi ha testimonianze, foto, sms ecc. di tutte le attività che ho svolto in quel periodo. Per esempio a chi ha partecipato alla selezione 2013 dei tour leader, selezione che ho fatto faticosamente io nelle settimane in cui è nata mia figlia. Di sicuro vi ricorderete i colloqui. Mi appello a chi è stato preso ed è attualmente un tour leader, ma soprattutto a chi NON è stato scelto e quindi non ha conflitto di interessi alcuno a testimoniarlo. Se conoscete queste persone girategli questo post.

Altra cosa per cui vi chiedo aiuto è la ricerca di altre prove del fatto che MI HANNO FATTO LAVORARE DI NOTTE DALL’ACCERTAMENTO DEL MIO STATO DI GRAVIDANZA FINO AL COMPIMENTO DI UN ANNO DI ETÀ DI MIA FIGLIA E ANCHE OLTRE (compreso il periodo di maternità obbligatoria, ma esclusa la settimana in cui ho partorito perché ero in un ospedale). Vi ricordo che quando ero a Vagabondo i miei turni di reperibilità erano tutte le notti della mia vita dalle 18 alle 9 del mattino e tutti i week end della mia vita dalle 18 del venerdì alle 9 del lunedì. I miei orari di lavoro ordinario pagato erano da lunedì a venerdì ore 9-18, i miei orari di straordinario non pagato erano fino alle 20.

ORARIO DI LAVORO: TUTTA LA VITA.

Sembra assurdo anche per me scrivere questo in questo millennio, ma era proprio così: tut-ta-la-vi-ta.
Facendomi sprofondare sempre più giù nel loro vortice mi hanno indotta a dimenticare totalmente di avere anche dei ‪#‎diritti‬, come lavoratore e come persona. Pura sindrome di Stoccolma? Vedremo, lo sto raccontando in un libro che sarà basato sugli atti dei processi.
Di notte il telefono squillava, a volte anche 4 volte per notte, Pargolotta di pochi mesi si svegliava e piangeva mentre io aiutavo persone rimaste bloccate dall’altra parte del mondo, a riprenotare voli, a ritrovare valige ecc. Lo scrissi in un raccontino feroce (attualmente ancora pubblicato su www.vagabondo.net ) che piacque moltissimo ai proprietari di Vagabondo, lo mandarono via newsletter a 30mila persone (ve lo allego in foto). Vi sembra normale una vita così? Arrivai a non farcela più, a elemosinare una boccata d’aria, ma niente: per la Vagabondo Viaggi la mia vita dovevo viverla così, casomai i cattivi erano i viaggiatori che telefonavano di notte (a proposito: mi scuso con questi viaggiatori!!!). Poi, grazie ad un avvocato, ho scoperto che alla Vagabondo Viaggi avevano omesso di dirmi che la legge vieta ad una lavoratrice incinta o mamma di lavorare di notte, c’è il D.Lgs. 66/2003 art. 11 co. 2, la cui violazione viene sanzionata con l’arresto del datore di lavoro da 2 a 4 mesi o con l’ammenda da 516 euro a 2.582 euro.

lavoro notturno 2

 

Tornando a noi, vorrei provare TUTTI gli episodi di lavoro notturno che ho fatto in questi anni, da settembre 2012 fino a novembre 2015. Per molti ho già prove ma sto ancora cercando un sacco di gente che mi ha chiamato di notte: quelli rimasti a terra dai caicchi, quelli bloccati negli aeroporti americani ecc. La vostra testimonianza sarà utile, se avete anche tenuto sms, chat o mail va ancora meglio. Se vi ricordate di qualche gruppo che mi ha chiamato di notte ditelo, sarà utile per trovarne i partecipanti.

Choc, delusione e poi lucida consapevolezza. Questo è l’ordine interno che mi ha portato, adesso che ho acquisito la distanza necessaria, a fare un bilancio della mia vita alla Vagabondo Viaggi, una vita trascorsa a creare giorno e notte con estrema passione ”viaggi etici e responsabili “ per far guadagnare persone che a mio parere non lo sono affatto, per far guadagnare una “azienda” uguale a mille altre aziende che non ci piacciono che attualmente sta continuando a vendere questi viaggi sotto la falsa comoda etichetta dell’ETICA, in tal modo snaturandoli, e che per giunta lo sta ancora facendo… in my name.

La Vagabondo Viaggi nella lettera di licenziamento mi ha intimato di distruggere i telefoni e gli indirizzi email di chi ha viaggiato con Vagabondo e dei collaboratori, quindi l’unico modo legale che ho per ritrovare queste persone è il passaparola. AIUTATEMI E CONDIVIDETE QUESTO POST.

IMPORTANTISSIMO: CI TENGO MOLTO A FARVI SAPERE CHE LAVORANDO NEL PERIODO DI MATERNITÀ IO NON HO AVUTO ALCUN VANTAGGIO ECONOMICO. LA VAGABONDO VIAGGI SRL INVECE SI, LO HA AVUTO!
Io non ho guadagnato neanche un euro in più, ma ho avuto solo… una vita così. Il tour operator Vagabondo Viaggi srl invece, in un anno di crisi per il settore turistico, registrò un aumento di più del 20% sulle vendite della stagione estiva che avevo organizzato io e beneficiò delle mie prestazioni lavorative “quasi gratis”: l’80% del mio stipendio era pagato dall’INPS e per Vagabondo c’era anche l’esonero dai contributi da versarmi in quei 5 mesi. Stiamo parlando di MIGLIAIA DI EURO pagati dall’INPS, QUINDI DA TUTTI VOI, che finirono illecitamente nelle casse della Vagabondo viaggi srl.

Sarita

PS Ricordo a tutti che all’epoca scrivevo dall’indirizzo sarita@vagabondo.net o da staff@vagabondo.net. Le prove potete inoltrarmele a saritaemao@gmail.com.

—————————————-

Prove già in mio possesso

Ho deciso di mostrare le prove che posso mostrare in pubblico: sono alcuni dei tanti post da me scritti nei 5 mesi del periodo di maternità obbligatoria sul sito www.vagabondo.net. Tali post sono attualmente ancora pubblicati sul sito di Vagabondo e quindi sono già pubblici. A farne una gallery non violo quindi alcuna regola di riservatezza.

Vi ricordo che mia figlia è nata il 31/03/2013 e che il periodo della maternità obbligatoria che non ho preso era dal 9 febbraio al 6 luglio 2013.

duro lavoro

Questa è una newsletter inviata dallo staff di Vagabondo ad aprile 2013. L’hanno inviata a circa 20 mila persone.
Scrivono che ho fatto un DURO LAVORO. E’ vero.
La selezione dei tour leader 2013 l’ho fatta nei mesi di marzo e aprile 2013.

5 marzo

7 marzo

10 maggio

12 marzo

14 aprile

14 feb

15 marzo

 Lascia una Risposta:

obbligatorio

obbligatorio

Ciao, questo sito utilizza utilizza cookies, anche di terze parti, per migliorare la navigazione. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi